Recensione » Uncharted 3: L’Inganno di Drake

Uncharted 3: L’Inganno di Drake Recensione » PS3
9.5/10

Era il gioco più atteso dell’anno. La saga di Uncharted è quella che più ha stupito l’utenza PS3 sin dalle origini. E’ quella che, come si direbbe in alcuni ambiti, vale il prezzo del biglietto, o meglio dire, della console. Il terzo capitolo promette un gameplay ancorato alle origini, con una narrazione spettacolare e una trama degna delle migliori produzioni hollywoodiane.

La compagnia dell’anello…

Uncharted 3

Non vogliamo dilungarci troppo con la trama, ma è d’obbligo accennare alle avventure che vedranno Nathan e Sully ancora una volta nel bel mezzo di scazzottate e sparatorie. Come saprete ormai in molti, questa volta ci ritroveremo a volta, a dare battaglia ad una pericolosa setta cospirativa le cui radici affondano nei secoli fino a 400 anni prima, ai tempi del regno della regina Elisabetta I d’Inghilterra, guidata da Katherine Marlowe, vero antagonista dei nostri eroi, che si paleserà al nostro cospetto già nelle prime sessioni di gioco. Non sarà un bell’incontro, non almeno per i nostri protagonisti, che addirittura rimarranno uccisi (?) in una sparatoria in uno squallido e buio vicoletto della città. E tutto per un anello. Non vogliamo spoilerarvi nulla, ma speriamo di aver catturato la vostra attenzione con questa stramba, ma veritiera, presentazione.

Sparatorie e cazzotti

Uncharted 3

Passiamo all’avventura vera e propria. L’inizio riserva qualche sorpresa. Questa volta, infatti, il panorama che accoglierà il giocatore sarà ben diverso dai precedenti. Se nel primo dovevamo fare i conti con un aereo in caduta libera su una fitta giungla, mentre nel secondo ci risvegliavamo su un treno posizionato in un dirupo profondissimo, in questo terzo ci sarà un moderno bar ad accoglierci. L’inizio di gioco ci lascerà un po’ spiazzati. Sembra un titolo più moderno, che abbandona inizialmente l’avventura in stile “Indiana Jones” per potare la trama su un’ambientazione più moderna. E’ un modo per rendere l’avventura più originale, fresca e moderna. Dopo tutto, uno stacco necessario per incuriosire il giocatore, ancora e ancora. Addirittura i primi capitoli di gioco ci riporteranno ad affrontare il passato di Nathan, potendo controllare un piccolo furfantello di quartiere, che incontra per la prima volta Sullivan. Come avrete capito la narrazione avrà un ruolo fondamentale in quest’avventura, e come sempre il reparto tecnico e la direzione artistica aiutano a creare un capolavoro vero e proprio.

Varietà d’azione

Uncharted 3

Il gameplay è classico e alterna fasi esplorative, a vere e proprie sparatorie in terza persona. Le coperture continuano a giocare un ruolo chiave per portare a casa la pelle. A queste sessioni da giocare con pistola alla mano, se ne affiancano molte altre da “corpo a corpo”. Il team ha puntato molto più che in passato sugli scontri a mani nude, rendendo queste fasi davvero spettacolari, con cambi di inquadratura repentini e zoomate degne di un vero e proprio film. Questi scontri si baseranno sul tempismo nel premere una certa sequenza di tasti, sia per la fase difensiva, che per quella offensiva. Il ritmo di gioco è sempre a livelli altissimi e anche le cut scene non servono ad interrompere l’adrenalina e il mistero che circonda l’avventura per tutti i 22 capitoli di gioco single player. Uncharted 3 presenta una dose maggiore di “puzzle solving”, elemento che serve a variare l’azione e ad incuriosire maggiormente il giocatore. Nulla di complicato, anche se in alcuni frangenti dovremo spremere le meningi un po’ più del solito. La varietà d’azione è anche garantita dalle poche, seppur significative, dosi di stealth action, in cui potremo mantenerci nell’ombra e assaltare i nemici alle spalle senza destare poi troppo sospetto e senza fare rumori che potrebbero insospettire la altre guardie nelle vicinanze.

Che grafica!

La varietà si situazioni in cui potremo trovarci è vastissima, così che giammai ci ritroveremo in situazioni monotone e poco appaganti. La vivacità nel gameplay è accompagnata da un reparto grafico di prim’ordine. C’era da aspettarselo e l’altissima qualità del reparto tecnico è tale da sfruttare al meglio tutta la potenza hardware della console. Dubito che in questa generazione videoludica ci sia ancora spazio per margini di miglioramento. I volti dei protagonisti sono stupefacenti, l’orizzonte visivo impareggiabile e le ambientazioni che si susseguono suggestive. Le sequenze di intermezzo sembrano delle scene tratte da un film, e le sfaccettature che assumono i volti durante le varie scene, sia in game che di intermezzo, sono davvero realistiche. Difficile aspettarsi qualcosa di più da questo terzo episodio anche sul versante audio. Sin dal primo episodio Naughty Dog ha investito moltissimo sul versante artistico e il doppiaggio audio italiano è uno dei migliori nel panorama videoludico. A questo si affianca un background sonoro orientale impegnativo, suggestivo, in grado di far venire la pelle d’oca al giocatore, che si immerge nella storia e si accanisce, missione dopo missione, nell’obiettivo prefissato.

Videorecensione

Scarica Flash Player per vedere questo video.

E’ banale dirlo, ma doveroso: Must Have!

Il belloccio di turno, Nate, ha colpito ancora una volta nel segno. Non c’è nulla in questo Uncharted 3 di negativo. Certo, la IA dei nemici non è ancora al meglio, ma questo, dopo tutto, serve a ricordarci che siamo di fronte ad un videogioco. Se non ci fosse questo elemento a riportarci con i piedi per terra, o meglio con il pad alla mano, finiremmo per credere che Nathan Drake e la sua combriccola stiano materializzandosi davvero di fronte ai nostri occhi. Chi ha amato i predecessori dovrà per forza acquistare questo terzo episodio della serie, che non si adagia affatto sugli allori e punta ancora una volta al massimo possibile. La storia rinnovata, le ambientazioni varie e la vastità di situazioni di gioco, rendono l’avventura incalzante e carica di tensione, dal primo all’ultimo minuto di gioco. Poche storie: Uncharted 3 è il miglior action adventure attualmente disponibile sul mercato!

Questa recensione è basata su una copia promozionale per PS3


2 Commenti

  1. VA:F [1.9.17_1161]
    -3

    altra bella recensione concordo con la IA perchè è pessima

  2. VA:F [1.9.17_1161]
    -3

    Grande Emiliano,
    mi appassionano le tue recens ;)
    Sapresti dirmi quanto dura, più o meno, l’avventura in singolo giocatore?

Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.



-_-