The Sun: i videogiochi causano demenza temporanea

The Sun

Il tabloid britannico The Sun ha affermato questa mattina che i videogiochi possono causare “demenza temporanea.” L’affermazione scioccante è fatta a seguito di ricerche effettuate per il giornale dallo scienziato Baroness Greenfield.

Ecco le sue dirette parole:

Le tecnologie dello schermo causano eccitazione che a sua volta attiva dipendenza alla base del sistema cerebrale. Il risultato è l’attrazione di attività ancora più telematiche

Greenfield ha osservato che le connessioni all’interno del cervello possono essere temporaneamente disattivate per attività a forte contenuto sensoriale. Inoltre, insiste sul fatto che i bambini necessitano durante lo sviluppo di giocare all’aria aperta, di arrampicarsi sugli alberi e sentire l’erba sotto i piedi e il sole sul viso.

Questa non è la prima volta quest’anno che The Sun tira fuori una storia del genere: ricorderete, infatti,  la faccenda legata al 3DS. Insomma, che ai bambini faccia bene il sole, l’aria aperta, l’erba sotto i piedi, è risaputo. Non credo ci voglia uno scienziato per ipotizzare questo….

Esagerazioni o verità? Che ne pensate?

Via TheSun

OTT 2011 14


4 Commenti

  1. VA:F [1.9.17_1161]
    +8

    Non saprei… in effetti il bambino nella foto ha la faccia da ritardato.

    No comunque, scherzi a parte, tutti noi sappiamo che i videogiochi creano dipendenza (nessuno può negarlo)… soprattutto quando si è più piccoli. E’ in questi periodi di crescita fisica e mentale che i genitori devono stare al fianco dei loro figli e fargli capire che sfogarsi ai videogame va bene, l’importante e non diventarne schiavi.

    “stiamo sempre parlando di qualcosa di controllabile. Quello che intendo dire io per dipendenza non è assolutamente da paragonare a una VERA dipendenza da droga o alcol… tutti sono dipendenti dal divertimento. Chi ama fare qualcosa la farà finche gli si presenta l’occasione… quindi se il bambino esagera, semplicemente gli si toglie il pad dalle mani”

  2. VA:F [1.9.17_1161]
    0

    Anche leggere o vedere articoli campati in aria per il gusto di infangare cose senza nemmeno conoscerle causa demenza, però permanente! CHe ai bambini faccia bene l’aria aperta non serviva di certo un nuovo guru crociato contro i videogiochi a dirlo e se non sbaglio una “attività a forte contenuto sensoriale” non è capace di darla solo un videogioco ma anche film e cartoni animati e qualunque altra cosa trasmessa su un teleschermo su cui è risaputo come i teleschermi siano capaci di sollecitare certe zone del cervello fino a provocarne un tipo di eccitazione nociva alla salute del sonno. Ho 20 anni, mi ricordo le notti in bianco che passavo perchè magari stavo troppo tempo alla tv o ai giochi e tuttora passo notti in bianco perchè magari con le attività che svolgo ogni giorno al pc ci sono certi giorni in cui sto tutto il giorno davanti ad un computer a lavorare, pur sapendo che alla lunga le schermate luminose del monitor possono disturbare il mio sonno appunto per il motivo detto poco sopra.

    Non ho parole per descrivere questa ennesima crociata contro i videogiochi e le uniche che ho in mente non le dico sennò sminuisco la robustezza del discorso che ho fatto poco sopra…

  3. VA:F [1.9.17_1161]
    0

    swip….Sono tuuttteee scioccchheeezzzeee!!! ….gnip(rumore dello spinotto cerebrale alla Matrix)……ovviamente stò scherzando! :)

Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.




 

-_-