Six Days in Fallujah, tra polemiche e indignazione

PC PS3 Xbox 360

Six Days in Fallujah

Nelle mattinata di oggi è stato annunciato da Konami un nuovo gioco a sfondo bellico dal titolo Six Days in Fallujah. Si tratterebbe di uno sparatutto in terza persona che ricostruirebbe la famosa e devastante Guerra d’Iraq che coinvolse Fallujah nel 2004. Il fatto che si faccia riferimento ad un evento così delicato ha (ovviamente) scatenato polemiche in quantità, con varie dichiarazioni riportate in un recente articolo di GamePolitics.

Il padre di un marine britannico ucciso nel conflitto – Daily Mail:

Considerando l’enorme perdita di vite umane e civili in Iraq, glorificare ciò in un videogioco è la dimostrazione di mancanza di spirito critico e di buon senso.

Questi orribili eventi dovrebbe essere confinati negli annali della storia, non travisati e giocati da maniaci in cerca di forti emozioni.

L’opinione del colonnello Tim Collins, veterano della Guerra d’Iraq:

E’ ancora troppo presto partire con videogiochi che trattano conflitti ancora in corso, nonché un irriverente risposta ad uno dei più importanti eventi della storia contemporanea. C’è un’enorme mancanza di sensibilità in tutto questo e di certo mi opporrò alla pubblicazione del gioco.

Per la cronaca, Six Days in Fallujah è in via di sviluppo presso gli studi Atomic Games e sembra che, con l’aiuto di ex-militari per ricostruire le ambientazioni, offrirà estremo realismo ed un gameplay di ultima generazione. Non si conosce ancora la data di uscita per PC, Xbox 360 e PlayStation 3.

APR 2009 07


Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.




 

-_-