DRM restrictions: siamo in ostaggio

PC

DIGDUG

Il fondo è stato toccato e ora tocca scavare……

I segni c’erano tutti e da tempo solo che pochi se ne sono resi conto ma ora è impossibile tenere nascosta la schifezza sotto il tappeto a meno di non riuscire a nascondere un angolo del medesimo che si solleva per km…

Nel caso qualcuno abbia vissuto sotto un sasso, spero stesse comodo in quel caso, una delle ultime tendenze delle Mega Corporazioni Videoludiche per arginare il fenomeno della pirateria è l’utilizzo di protezioni DRM legate a internet e al proprio hardware.

Fino a poco tempo fa il sistema Starforce che si basava solo sul supporto digitale era stato tolto dalla circolazione poiché creava più danni che altro, la lista di utenti che si compravano il gioco originale e poi non potevano usufruirne perché il lettore dvd si rifiutava di riconoscere la Protezione era lunga km quindi era lecito aspettarsi che il detto “imparare dai propri errori” desse i buoni frutti ma purtroppo l’ottimismo NON era il sale della vita.

Ecco quindi Bioshock, gioco agognato da molti ma che si presentò al pubblico in malo modo, infatti era necessario attivarlo via internet e poteva essere installato solo 3 volte pena la disattivazione del medesimo e quindi la successiva telefonata al Call Center per poterlo riattivare.

Tralasciando il fatto che internet NON è accessibile sul serio a tutti, mettere un limite alle installazioni era ridicolo soprattutto in un mondo come quello dei PC in cui il sistema operativo è più instabile del governo italiano e infatti dopo la prima marea di proteste si aumentò il numero di attivazioni a 5 e dopo mesi venne fatto circolare un tool che permetteva di disattivare l’installazione per poterla spostare altrove.

Quindi dire che il sistema era fallace è poco, che l’utenza si era rotta le scatole e soprattutto non era stupida pure, ma come già detto non si impara dai propri errori…….

Mass Effect fu il secondo caso clamoroso, stessi problemi di Bioshock con in aggiunta il fatto che si doveva essere connessi ad internet sempre e comunque perché il gioco veniva verificato in tempo reale, ergo se internet non ti funzionava o c’erano problemi tecnici il gioco diventava spazzatura; chiaramente anche in questo caso ci fu una rivolta e certe limitazioni vennero rimosse ma valeva la pena sul serio perdere tempo su una cosa che NON funziona e soprattutto NON è gradita?

Ma al peggio non vi è mai fine ed ecco quindi Spore…..

Blocchi come quelli già citati con in aggiunta il fatto che si poteva creare un solo profilo utente per gioco acquistato, ergo se qualcuno voleva farlo utilizzare alla famiglia doveva acquistarne una copia per ciascuno e per un gioco che si basa molto sull’user content è come darsi la mazza sui piedi.

Anche qui ci fu una rivolta non da poco e curiosamente in modo civile utilizzando ciò che internet forniva, le recensioni negative su siti di vendita come Amazon hanno lasciato il segno senza contare i forums ufficiali e non anche se poi si è arrivati al demenziale pur di non rispondere a fatti tangibili.

http://forum.spore.com/jforum/posts/list/3869.page

Siamo arrivati a questo punto? Oltre a fornire un prodotto con evidenti problemi e disservizi ora pur di non tirare fuori la questione si è passati alle minacce non tanto velate?

Io compro un gioco con la consapevolezza e il rischio che se uno ai piani alti ha le palle girate mi impedisce di giocarci? O che magari poiché la Mega Corporazione decide di tagliare qualche ramo secco improvvisamente i servers d’attivazione scompaiono e io utente finale devo aspettare/pregare che tolgano queste ridicole protezioni?

MA STIAMO SCHERZANDO?!?!?!

E’ palese che si continuerà su questa strada gli utenti smetteranno di comprare il software rivolgendosi invece al “mercato parallelo” che per la cronaca ha fornito i titoli sino ad ora citati oltre che in anteprima anche e soprattutto senza queste “limitazioni”.

E se le Mega Corporazioni non se ne rendono conto al più presto allora è bene che comincino a usare il prosciutto che hanno davanti agli occhi per farsi dei saporiti panini casarecci.

SET 2008 25


Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.



 

-_-