PlayStation3 Gravity Grid

PS3

PlayStation3 Gravity Grid

Che la PS3, e Sony soprattutto, sia strettamente legata alla ricerca scientifica lo avevamo già constatato parlando del progetto [email protected]. Già in passato si è parlato dell’ utilizzo di cluster di PS3 per scopi scientifici, primo fra tutti quello realizzato circa un anno fa dal Dr. Frank Mueller della North Carolina State University.
Adesso arriva un’ altra interessante notizia che riguarda direttamente la potenza della CPU di quella che si presenta come la più potente console da gioco mai creta finora. L’ Università del Massachusetts, sotto il patrocinio di Sony, ha realizzato un cluster di sedici unità unicamente rivolto allo svolgimento di calcoli per un’ importante ricerca scientifica.

Come ci racconta il professor Gaurav Khanna, sono due le cose che distinguono la PS3 rendendola ideale per tali scopi. Innanzitutto il suo essere Open Plataform, cosa che ci permette di installare Linux o qualsiasi Sistema Operativo vogliamo. In secondo luogo viene il processore CELL, sviluppato da Sony, IBM e Toshiba. Tutto questo per una cifra che è circa la metà di un modesto computer assemblato di oggi che rende la PS3 la macchina più economica in termini di potenza di computazione per dollaro.

Il progetto che ci racconta il prof. Gaurav Khanna riguarda il calcolo di onde gravitazionali generate da un’ipotetica collisione tra due buchi neri. Le PS3 collegate nel cluster che vedete nella foto in alto non sono state minimamente modificate. Il Sistema Operativo adottato è Linux con risorse software sempre Open Source create per l’ occasione.

MAR 2008 03


Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.



 

-_-