Home » Recensioni » Inazuma Eleven

Recensione » Inazuma Eleven

Inazuma Eleven Recensione » DS
7.5/10

Tanto tempo fa (dai… non esageriamo non poi così tanto!!) c’erano Holly e Benji che con le loro avventure in chiave calcistica rapivano, direttamente dal Giappone, i cuori e le menti di migliaia di ragazzini ipnotizzati davanti ai teleschermi. Ma il tempo passa e purtroppo nulla è per sempre, ed oggi anche questi “miti” hanno oramai passato il testimone a nuovissimi e coloratissimi (nonché ancor più surreali) connazionali. Eccoci quindi, con ben due anni di ritardo rispetto al sol levante, a visionare il primo dei numerosi giochi dedicati ai beniamini delle nuove generazioni, sono sicuro che molti di voi avranno già capito di cosa sto parlando; e cioè delle mirabolanti avventure di Mark Evans e gli altri “undici del fulmine”…. Fischio d’inizio: comincia la sfida con Inazuma Eleven.

Corri e salta dietro un pallone…

Inazuma Eleven

La storia (dalla quale è stato tratto l’anime di successo) ci vede indossare i panni di Mark Evans l’appassionato capitano del club di calcio della sua scuola, nonché portiere eccezionale; purtroppo però alla Raimon Junior High il calcio non è esattamente il più praticato degli sport, ed oltre a lui il club, all’inizio del gioco, conta ben pochi e svogliati affiliati… Ma il nostro Mark non è certo il tipo di persona che si lascia scoraggiare per così poco e, chiedendo ostinatamente a tutti i suoi compagni di scuola di unirsi al suo team, riuscirà, passo dopo passo, a trovare più che validi compagni che lo seguiranno e lo aiuteranno a raggiungere il suo sogno: conquistare l’agognata coppa dei campioni del torneo Football Frontier.

Nonostante la semplicità della trama, il gioco ci farà immedesimare velocemente nel giovane Evans e ben presto condivideremo anche noi la sua ambizione nel “reclutare” quanti più membri possibile nella nostra squadra; ma il vero punto forte di questo titolo è l’eccezzionalmente ben equilibrata alternanza di fasi di reclutamento e partita che, dando il giusto ritmo alla trama, metteranno il giocatore nella condizione di avere costantemente nuovi obiettivi da raggiungere e mai un secondo per annoiarsi.

Altra caratteristica distintiva di Inazuma Eleven è, per l’appunto, la pazzesca varietà di personaggi (ben 1000) che con le loro mosse speciali e abilità particolari garantiranno ore ed ore di gioco e di sperimentazioni dell’infinità di formazioni possibili; il giocatore potrà infatti raccogliere sostenitori chiedendo personalmente ad ogni singolo studente della Raimon, oppure servendosi dell’aiuto di abili “talent scout” che proporranno liste di componenti di altri club sportivi o di altre squadre rivali (quest’ultime solo dopo averle sconfitte al torneo) a seconda delle caratteristiche da noi ricercate.

Una volta formato un team che ci soddisfi poteremo finalmente testarlo sul prato verde giocando delle amichevoli o sfidando i partecipanti del torneo Football Frontier; per quanto riguarda quest’ultima possibilità ogni team che parteciperà alla competizione sarà caratterizzato da caratteristiche ed abilità specifiche particolarmente temibili e le condizioni di vittoria cambieranno di sfida in sfida… riuscirà il team della Raimon a raggiungere gli incontrastati capolista della Zeus???

…finché in rete non andrà

Inazuma Eleven

Parlando di controlli di gioco bisogna fare tanto di cappello al team di Level 5; in Inazuma Eleven, avremo infatti la possibilità di comandare durante le partite tutta la squadra in maniera facile ed immediata; tramite un sistema di controllo che ci permetterà di stabilire la traiettoria dei personaggi con dei tratti di pennino, infatti, comanderemo sia le azioni del giocatore che sta “portando palla” sia quelle degli altri compagni di squadra in modo tale da poter portare a termine anche le azioni più elaborate, i passaggi e i tiri in porta saranno invece effettuati col semplice tocco dello schermo; tutte queste operazioni, decisamente più complicate da spiegare che da fare nella pratica, sono realizzate egregiamente, e dopo un minimo di “training”, rendono il gioco estremamente intuitivo e divertente.

Altri elementi apprezzabili del gioco sono le caratteristiche GdR che raramente vengono così ben sviluppate in un gioco sportivo (specie se per console portatile) ognuno degli innumerevoli personaggi, infatti, possiede delle proprie caratteristiche (attacco, velocità, dribling ecc.) che aumenteranno con il passaggio di livello, con delle sessioni di allenamento specifiche sparse per il gioco o con degli equipaggiamenti (magliette, guanti e scarpette), dandoci così la possibilità di allargare ulteriormente la già ampissima gamma di strategie attuabili. Per accumulare l’esperienza e il denaro necessari però, saremo tenuti ad effettuare dei mini-scontri in cui gestiremo solo 4 personaggi (tre giocatori ed un portiere) e soddisfare alcune condizioni specifiche per ogni scontro (segnare, non perdere la palla, levare la palla agli avversari); proprio questa però è forse l’unica nota storta in Inazuma Elelven, poiché pur avendo la possibilità di “scappare” da questi scontri (che sono piuttosto frequenti e alla lunga un po’ fastidiosi) verremo penalizzati nel farlo perdendo di conseguenza parte delle preziose risorse indispensabili per il buon progredire della nostra avventura.

La mela non cade lontano dall’albero

Inazuma Eleven

Anche sotto l’aspetto grafico Inazuma Eleven rende merito alla fama del team di sviluppo (che ricordiamo, ci ha regalato titoli come il Professor Layton e Dragon Quest IX); durante il gioco e le partite è stata scelta una realizzazione cartoonesca che ricorda molto l’anime, ricca di colori e dalle forme arrotondate; durante le mosse speciali, invece, godremo di spezzoni in 3d tecnicamente impeccabili; ed, infine, durante la storia potremo ammirare intermezzi animati in puro stile nipponico… questo “mix grafico” nel complesso risulta molto gradevole e di certo all’altezza dei palati più raffinati.

Doppio fischio: ecco il punteggio finale!!

In conclusione Inazuma Eleven è complessivamente un titolo dall’ottima realizzazione che, nella sua semplicità apparente, nasconde una incredibile profondità sia nei controlli che nella trama. Parecchio divertente e molto ben realizzato a livello grafico, grazie alle forti componenti GdR, promette di accontentare anche coloro i quali, non particolarmente appassionati di giochi sportivi (come me), guardano con diffidenza a questo genere di titoli.

Consigliato agli appassionati di giochi sportivi, a quelli di GdR e ovviamente ai fan dell’anime; caldamente raccomandato, infine, a chi ha la possibilità di giocare multiplayer (disponibile fino a 4 giocatori) tramite WiFi o in rete.

Questa recensione è basata su una copia promozionale per DS


3 Commenti

  1. Avatar di Benderball
    VN:F [1.9.17_1161]
    0

    Il Gioco Migliore Per Ds Perche Secondo Me è Stato Un cAPOLAVORO sICURAMENTE MEGLIO I GIOCHI COME FALLOUT 3 BIOSCHOCK MA QUESTO è TT UN ALTRO DISCORSO

  2. Avatar di Drew
    VN:F [1.9.17_1161]
    0

    Gioco veramente divertente, sopratutto se apprezzate anche giochi stile ” Pokemon ”

  3. Avatar di iPaoPaso
    VN:F [1.9.17_1161]
    0

    Lo sto giocando proprio ora e devo dire che un gioco così completo su DS non l’ho mai trovato.Non sono un grande fan dell’anime,anzi non l’ho mai visto tranne qualche puntata quà e là che passava Rai 2,infatti l’ho preso a scatola chiusa senza sapere molto sul gioco e devo dire che è veramente epico! Sotto tutti i punti di vista,sia grafici che di gameplay ecc. il gioco è curato nei minimi dettagli.Non ho ancora provato il primo,anche se non vedo l’ora,ma almeno per il primo capitolo l’acquisto è d’obbligo! :)

Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.



-_-