Il Metacritic delle Software House 2012

Electronics Arts

Negli ultimi anni l’ottimo sito comparativo Metacritic non si limita più a fare una media tra le valutazioni dei maggiori network internazionali riguardo qualsiasi prodotto mediatico in produzione (da videogiochi a film e così via) ma fa un’altra statistica annuuale, tra le case produttrici, ottenuta col calcolo dei voti dei relativi giochi da cui risulta la valutazione media dei titoli di questo o quel publisher.

Il calcolo viene effettuato solo sulle recensioni dei giornali e non su quelle dei lettorio dai dati di vendita.

Quest’anno è Electronics Arts a portarsi in testa, conquistando il voto medio più alto -ben 75.2% – e conquistando altri importanti riconoscimenti come il secondo titolo col voto più alto dell’anno -Mass Effect 3, metacritic 93%- la maggior percentuale di recensioni positive -il 58% del totale dei giochi prodotti nel 2012 e l’ottimo risultato di non aver nessun prodotto con un voto medio negativo.

L’analisi inoltre porta alla luce come EA continui a sfruttare hype preesistenti, quali la serie Need For Speed e il già citato Mass Effect e mantenga in uscita numero di prodotti (ben 74). Unico neo della casa produttrice è Medal of Honor Warfighter che, con un metacritic di 53, rappresenta una delle più grandi cadute in basso di una serie di successo rispetto i titoli precedenti, tanto che il publisher ne ha annunciato in seguito la chiusura come brand.

Seconda classificata è Microsoft, che mantiene comunque l’ottima media di voto pari al 73% (comunque cartellino giallo per i paramentri metacritic, che partono con il verde dal 75) e porta a casa alcuni ottimi successi come Mark of the Ninja (91%). Scivolone invece per Bloodforge, che porta a casa un pessimo 42, venendo ricordato come peggior gioco Microsoft dello scorso anno.

Media di 72.1% e terza posizione per il colosso giapponese Sony, che, pur portando il rispettabilissimo voto di 92% di Jorney non riesce a brillare come in passato. A suo favore viene il fatto di non avere nessun titolo da cartellino rosso all’attivo: il peggior titolo della software house nipponica è infatti Start the Party! Save the World, piazzatosi con un mediocre ma non disastroso 50%.

A parte il podio, sono le posizioni sottostanti quelle che stupiscono, con lo scivolone al quarto posto di Nintendo (secondo classificato nel 2012) e una media di votazioni positive pari al 50% della produzione (37 titoli) e il quinto posto di Capcom, l’anno precedente non presente in classifica, che ottiene un discreto 70.4 percentuale di voto medio e porta a casa un bel 90 con Okami HD.

Deludente Ubisoft che nonostante ottimi titoli quali Far Cry 3 (90%) ed Assassin Creed 3 (80) si piazza al settimo posto, con metascore medio di 68 e alcuni veri e proprio fallimenti come il tie in del film I Mercenari 2 (34) ed SPN Sport Connection per Wii-u (31, peggior risultato per la software house).

Pessimo posizionamento anche per il duo Activision Blizzard che, incapaci di decollare con Diablo III (nonostante una media pari a 88 percentuale) e la serie Call of Duty, scivolano al decimo posto grazie alla reiterata produzione di titoli mediocri, culminata nel vergognoso 007 Legends (metascore-tremiamo solo a riportarlo- 25%).

Chiudiamo con i nostri complimenti a Telltale, piccola ma fortunata software house specializzata in giochi di avventura: pur non essendo presenti nella classifica, infatti, i Telltale si portano a casa il gioco col voto più alto del 2012 con The Walking Dead per Xbox col fantastico metascore di 95%.


Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.



-_-