Recensione » Final Fantasy XIV: A Realm Reborn

Final Fantasy XIV: A Realm Reborn Recensione » PS4
8.0/10

Oggi vediamo, di nuovo, Final Fantasy XIV: A Realm Reborn per la console next-gen Sony PS4. Sì, avete capito bene: di nuovo. Questo capitolo quattordici della serie Final Fantasy, davvero non si vuole fare da parte e dopo l’uscita nel 2010 ed un’altra l’anno scorso arriva, oggi, alla sua versione conclusiva, in full HD e su console di nuova generazione. Ma che cosa è davvero cambiato? Vediamolo.

Trasformazione!

A prima vista, a parte la definizione in HD, come dicevamo, sembrerebbe che nulla sia stato modificato ma il condizionale è d’obbligo. Cominciando con il sistema di controllo, va detto che il titolo, fin dalla sua prima uscita, fu pensato per essere giocato tramite pad su PS3 e, dunque, i comandi sono ottimi anche su PS4. Per i puristi, comunque, vista la possibilità di collegare tastiera e mouse USB alla PS4, il metodo di controllo potrà essere più tradizionale.

Altra grande fortuna è la possibilità di effettuare un riversamento di tutti i dati della console PS3 sulla nuova versione PS4 (per chi aveva il vecchio titolo) permettendo di risparmiare un bel po’ di tempo nel settaggio delle varie opzioni, macro e tutto il resto. Ovviamente stiamo dando per scontato che abbiate già giocato un Final Fantasy nella vostra vita perché diversamente sarebbe molto complicato spiegare tutto. Per i profani, comunque, possiamo cominciare a dire che se siete amanti dei giochi RPG o meglio JRPG, questo titolo sicuramente non vi deluderà.

Fra le opzioni disponibili, così come fanno notare anche altri colleghi, è ottima la possibilità di riportare il settaggio video a 720p anziché 1080p; questa features, che a prima vista potrebbe sembrare inutile, in realtà mostra il suo valore soprattutto nelle fasi finali del gioco dove la presenza massiccia di boss e textures in alta definizione possono in qualche momento rallentare la computazione e rendere i comandi meno reattivi.

Classi, livelli, cap

I primi 50 livelli della vostra prima classe saranno facilmente raggiungibili grazie alla storyline principale che vi farà prendere confidenza con le meccaniche di gioco e cercherà di mettere a proprio agio un po’ tutti i giocatori. Il discorso, invece, cambia radicalmente per le classi diverse dalla prima scelta. Per livellare queste, infatti, servirà partecipare (e qui si esprime al massimo il sistema MMO di Final Fantasy XIV: A Realm Reborn) ad eventi pubblici dove la ricompensa, in esperienza, sarà commisurata al vostro grado di partecipazione alla missione stessa.

Altro sistema per livellare le classi sarà la recente introduzione della Roulette Low Lovel che permetterà, una volta selezionata nel Duty Finder, di rigiocare dungeon ai quali abbiamo già accesso con ricchi bonus esperienza in caso di successo. I livelli, inoltre, meriterebbero un discorso a parte e molto complicato. Basti sapere che, nonostante questo possa sembrare a prima vista un limite, la facilità di raggiungimento del livello 50 con diverse classi permette di adattarsi meglio all’end game che, rispetto alla sua uscita su PS3, prevede molte più attività rispetto al passato grazie alle patch 2.1 e 2.2 che hanno introdotto, fra le altre cose, una valanga di attività post-cap. Anche i job, che si sbloccano dal livello 30, ora interessano classi diverse e diverse abilità; di conseguenza per poter fare alcuni job è necessario portare classi diverse a livelli alti.

E se sei stanco di PS4, puoi giocare da PS Vita

La completa interazione fra PS4 ed il remote play con PS Vita allunga la vita ad un titolo che, se giocato a dovere, è già di per sé molto longevo. Il fatto di poter svolgere tutte le attività – ma noi consigliamo solamente le secondarie – sulla portatile di casa Sony è sicuramente piacevole per fare dei punti esperienza in più magari mentre si guarda la tv o quando la tv, appunto, è impegnata da qualche altro componente della famiglia (in effetti non potete monopolizzare il salotto!).

Conclusione

Eorzea in HD fa sicuramente la sua bella figura e, sicuramente, anche su PS4 Final Fantasy XIV: A Realm Reborn riesce ad esprimere completezza, immediatezza, semplicità e profondità. Come detto all’inizio, è un titolo complesso adatto a tutti gli amanti della serie FF ed agli appassionati di RPG e JRPG. Questo era l’ultimo episodio delle review di Final Fantasy XIV su diverse console; ora, finalmente per tutti (ironico – NdR), si può cominciare a guarda oltre.

Questa recensione è basata su una copia promozionale per PS4


Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.



-_-