E mo’ me li fotto i vostri diritti

Sony diritti

Forse non ve ne siete accorti ma oramai il termine “libertà” verrà comparato all’estinzione del Dodo.

Nel caso in cui fino a questo momento siate vissuti sotto una pietra, se fosse così vi conviene restarvici, in tutto il mondo si stanno mobilitando diverse forze che tramite quelle che possono apparire come piccole cose in realtà stanno andando a ledere i più sani principi morali e non solo relativi alla libertà dei singoli individui.

Cominciamo con una cosa classica, infatti è notizia di questi giorni che Mamma (maiala) Microsoft abbia brevettato un sistema che dovrebbe fungere da filtro in tempo reale per quanto riguarda le comunicazioni vocali, significa che se durante una conferenza il relatore sparerà un bestemmione esso verrà automaticamente sostituito da un bip o altro (ci daranno il piacere di scegliere), significa che stiamo usando un telefono tramite internet certi discorsi potrebbero essere rimossi, significa che mentre sto giocando a WoW e un bimbominkia mi fa fallire il Raid e gli scarico una marea di impropri via microfono essi verranno sostituiti da dolci suoni.

Chiaramente il tutto si baserà su una blacklist, chi la compilerà non si sa, che permetterà di ovviare alle lacune dell’addetto umano usato fino a quel momento. Essendo un sistema nato in America sarà sicuramente basato all’inizio sul linguaggio scurrile inglese, per fortuna qui in Italia della volgarità a parole abbiamo fatto un arte quindi le possibilità che il filtro possa censurare un’offesa in romanesco o siculo sono praticamente infinitesimali però è importante notare come su una cosa del genere nazioni “simpatiche” come la Cina ci vadano a nozze.

Passiamo alla seconda news, le grandi corporazioni videoludiche hanno scoperto le immense potenzialità di profitto che vivono dentro Internet quindi dopo i numerosi “copia tu che copio anche io tanto l’utente finale è un demente” la Sony se ne è uscita con una vera perla.

Quando vi registrate al Playstation Network vi ritroverete di fronte il classico contratto d’utilizzo che NESSUNO legge mai e infatti la Sony ha sicuramente contato su questo per infilarci una serie di cavilli alquanti discutibili.

La Sony declina ogni responsabilità riguardo gli updates automatici che potrebbero danneggiare la vostra console, ergo se accade come in passato che la vostra PS3 vada in pallone perché avete ricevuto un update UFFICIALE che poi si rivela bacato all’origine son cazzi vostri.

La Sony declina ogni responsabilità relativa al Parent Control, ergo se tu genitore non vigili su come tuo figlio usa la PS3 son cazzi tuoi se io Sony decido di trasmettere film porno senza alcun blocco iniziale.

La Sony si riserva il diritto di monitorare e di registrare ogni attività online e ogni comunicazione attraverso PSN e tu dai il tuo esplicito consenso al monitoraggio e alla registrazione delle tue attività”. L’utente che accetti le condizioni di utilizzo del servizio accetta altresì di sottostare all’eventuale rimozione dei propri contenuti decretata da Sony “a sua insindacabile discrezione” e senza l’obbligo di alcuna comunicazione nei confronti dell’utente, ergo guai a parlare di cose sgradite a Sony che altrimenti ti arriva la polizia in casa.

Ma soprattutto:

10. MATERIALE UTENTE

[...]

Autorizzi noi, le nostre società affiliate e altri utenti PSN a utilizzare, distribuire, copiare, modificare, visualizzare e pubblicare il tuo Materiale Utente attraverso PSN e altri servizi associati. Inoltre, autorizzi noi e le nostre affiliate a concedere in licenza, vendere o sfruttare commercialmente in qualsiasi altro modo il tuo Materiale Utente (ad esempio vendendo sottoscrizioni per l’accesso al Materiale Utente e/o ottenendo introiti pubblicitari correlati al Materiale Utente) e a utilizzare il tuo Materiale Utente per promuovere i prodotti e i servizi PlayStation senza effettuare pagamenti a tuo favore. Non puoi sfruttare commercialmente il Materiale Utente senza il nostro consenso. Rinunci a qualsiasi diritto morale sul tuo Materiale Utente. Pubblicando, trasmettendo in streaming o in altro modo il Materiale utente fai presente e garantisci che disponi di tutti i diritti necessari per utilizzare, pubblicare, trasmettere in streaming o in altro modo detto Materiale e concedi tutti i diritti elencati in questo paragrafo.

…ergo se tu utente crei qualcosa che può migliorare il gioco la Sony se ne appropria e si intasca i benefici che ne verranno alla facciaccia tua.

Per ora riguarda solo il servizio Playstation Network ma non dubitate che si estenderà anche al resto del mondo. Poi ci sarebbe da discutere sul simpatico regalino di Bush prima di andarsene dalla Casa Bianca ma questa è altra storia.

Il materiale per il presente articolo è stato preso da Punto Informatico, è vero che in rete se ne parlava già da qualche giorno però per coloro allergici all’inglese la versione italica rimane sicuramente più fruibile.

Censura in tempo reale, il brevetto è Microsoft

Se i gamer sono al servizio di Sony

OTT 2008 23


1 Commento

  1. VA:F [1.9.17_1161]
    0

    Si potrebbe aprire a proposito un certo discorso sul software chiuso e sui brevetti ma temo che scatenerei solo una guerra fra fazioni.

    Avete mai provato a leggere la licenza di un certo sistema operativo molto famoso di cui non faccio il nome? Davvero? Proprio mai? Ebbene lo sapete che quando avete avuto accesso a internet la prima volta questo sistema operativo ha registrato il vostro indirizzo IP e questo dato è ancora chiuso nei forzieri della società che produce tale S.O.?
    No?
    E lo sapere che questa cosa è scritta in chiaro e a caratteri cubitali nella licenza di tale S.O.?
    E che non ci potete fare nulla perchè se non accettate la licenza non potete usare tale S.O.?

    Lo sapete che ogni volta che acquistate un lettore MP3 pagate le licence all’Istituto Fraunhofer?
    Credevate che gli MP3 fossero gratis? No: lo è comprimerli ma non ascoltarli (o meglio decodificarli), per quello bisogna versare i diritti all’istituto sopramenzionato che ha brevettato l’algoritmo.
    Potrei andare avanti all’infinito. Ci sono talmente tante stronzate burocratiche in giro che è impossibile starci appresso ma questa non è una scusa per non fare attenzione.

    Tornando in topic io tifavo per la PlayStation e la Sony, adesso non più. Pensavo che c’è ne fosse una sola di Microsoft nelle console. Mi sbagliavo.

Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.




 

-_-