Destiny: il coraggio di Bungie nel cambiare l’online Gaming

PS3 PS4 Xbox 360 Xbox One

Destiny

Il termine nuova generazione non si deve soltanto attribuire alle nuove console appena nate, ma bisogna espandere tale concetto non solo limitandolo all’Hardware o al Software delle nuove macchine, che da qui in avanti setteranno nuovi standard tecnico grafici, ma bisogna avere il “coraggio” di sperimentare la nuova generazione, con una nuova generazione di videogiochi, pronti a tentare di costruire solide basi per il futuro del gaming.

In tutti questi anni i videogiochi si sono evoluti, iniziando a settare nuove tecnologie e nuove meccaniche nel ristretto ambito dei giochi single player, i quali per anni hanno dominato l’allora nascente scena video ludica mondiale. Poi, con l’arrivo di Internet tutto è cambiato, i rapporti umani ora, non sono solo di persona, ma ormai si è giunti a nuove forme di comunicazione, non solo verbali o gestuali, ma anche digitali. E partendo proprio da questi contatti “Sociali Digitali” dove semplici stringhe di testo, hanno quasi sostituito la parola e il suono delle nostre voci, trasformando la società in modo quasi drastico. Ma tralasciando questi discorsi ad altri persone più esperte di me sicuramente, Internet e Social si sono fuse, in un grande mondo, quello del Gaming, ed ecco che nascono l’ora mai famosi MMO, quei giochi, che uniscono, divertimento digitale, comunicazione sociale e collaborazione, racchiusi in questa grande creatura chiamata Internet.

Con Bungie, tutto ha inizio

Dopo questa doverosa introduzione, ecco spuntare due nomi, uno è quello di Bungie, l’altro, quello della sua creatura pronta a cercare sostanzialmente di introdurre il genere MMO, all’interno delle home console, come mai nessuno prima ha avuto il “coraggio” di fare, signori vi presento Destiny, un nome, che racchiude in sé non un semplice videogioco online, ma una vera e propria “Opera Videoludica” che farà di quel “Social Sharing” la sua parola d’ordine, unire quante più persone in un unico gioco, legandoli insieme nella scoperta di un mondo gigantesco, dove divertimento, cooperazione e perchè no, anche rapporti umani si uniscono in un unico “Videogames” che solo un team talentuoso come quello di Bungie ha potuto elaborare in questi anni, e che promettere di espandersi per circa un decennio; un lavoro enorme, che potrà rivoluzionare sul serio il gaming online e che potrebbe essere il gioco più venduto della storia secondo Activision, pubblisher dell’attesissimo MMOShooter GDR, così come viene definito dagli stessi sviluppatori.

Cos’è Destiny? Questa domanda merita più di una risposta, innanzitutto, cos’ha di speciale questo gioco dalle premesse così importanti da conquistare milioni di fan già da ora? Di sicuro in molti sono stanchi della solita piega che gli odierni FPS stanno assumendo, Destiny promette molto di più, non si limita al semplice incontro online, freddo e quasi sempre ricco di contrasti tra i vari giocatori, il titolo Bungie, vuole che tutti i videogiocatori collaborino insieme, si diano una mano nell’esplorare i diversi pianeti “rubati” all’umanità da una misteriosa razza aliena. Si andrà dunque alla ricerca, di tutte quelle tecnologie lasciate su quei pianeti appartenuti un tempo all’uomo, che potrebbero cambiare definitivamente le sorti della razza umana, la quale vive i suoi giorni sotto la protezione del Viaggiatore, una sfera che giunse misteriosamente dando origine ad un’eta dell’oro che portò l’uomo ad occupare interi pianeti e scoprire tecnologie sempre più potenti e letali; ma qualcosa spense il Viaggiatore, facendo crollare l’umanità sotto la sua imponente ombra, dove al di sotto è situata la Città, ultimo baluardo della resistenza umana. A questo punto, il necessario viaggio verso i vecchi pianeti, appartenuti all’umanità diventa l’unica scelta per evitare l’estinzione della razza umana, ed utilizzare quei tesori tecnologici, dimenticati dal tempo, per conquistare nuovamente la propria casa.

I Guardiani, i difensori dell’umanità

Ma a chi aspetterà questo impresa? Ovviamente a noi, i quali ci impersoneremo nei Guardiani, coloro i quali sono stati scelti per salvaguardare il destino dell’umanità, toccherà a noi quindi, esplorare gli antichi pianeti abitati una volta dall’uomo e riprendere ciò che è stato perduto. I Guardiani quindi saranno i nostri alter ego digitali, con cui si allaccerà il nostro legame con essi e dargli così vita, sì, perchè in Destiny, ognuno di voi potrà scegliere tre classi, chiamate CACCIATORE, TITANO e STREGONE, le quali si diversificheranno per abilità e poteri in base al nostro stile, ma il tutto non si ferma qui, infatti il titolo Bungie oltre che voler essere il primo MMOFPS su console è anche un GDR, ogni Guardiano sarà differente, con un’infinita personalizzazione potremmo veramente rendere unico in nostro personaggio, partendo dal mero aspetto estetico, passando per le armature, guanti, elmi, stivali, mantelli e tanto altro, fino all’ultimo oggetto possibilmente personalizzabile. La vostra personalizzazione si estenderà anche anche per le armi in gioco, ognuna diversa in base al vostro stile di gioco, breve, media e lunga distanza, con tanto di mirino da montare, silenziatori, caricatori, e anche colorazioni di ogni tipo e via via discorrendo, per una vastissima scelta, che influirà ovviamente sulle caratteristiche del nostro personaggio, che andrà a potenziarsi sempre di più fino ad essere una vera leggenda.

I Caduti e il loro potere

Ma chi dovremmo combattere in Destiny? Chi saranno i nostri nemici? Essi si chiameranno i CADUTI, una razza aliena che si differenzia per abilità, astuzia e potenza, la quale è stata in grado di piegare l’intera razza umana, rifugiatasi nell’ultimo posto ospitabile rimasto sulla nostra cara terra. Le nostre nemesi quindi si divideranno in quattro tipologie di Caduti:

  • I Reietti: Dei furfanti alimentati da rabbia e disperazione per la loro pessima condizione di vita. Molto astuti ma traditi dal loro impulso, questi caduti hanno solo due braccia a differenza degli altri che ne hanno ben quattro. Sono equipaggiati da pistole leggere e lame elettriche.
  • Vandali: Gerarchicamente superiori ai Reietti quest’ultimi sono più evoluti, essi possono contare su armi a lunga distanza, dal lungo periodo di ricarica.
  • Capitani: Guidano i Caduti, abili guerrieri, sottovalutano la razza umana, considerano inoltre la terra come loro proprietà. Sono dotati spesso di due letali spade.
  • Cabal: Giganteschi alieni apparsi su Marte, non si hanno molte informazioni al loro riguardo attualmente.

La Frontiera questo grande mondo

Dopo aver presentato i Guardiani e i Nemici è giusto soffermarsi dove Destiny è ambientato. Bisogna considerare il titolo Bungie immenso, quindi non ci sara un singolo livello da esplorare, non ci sarà una vasta area, non ci sara un solo pianeta, ma ben si saranno quattro, quest’ultimi faranno da sfondo e ambientazione per i nostri viaggi, iniziando dalla terra, dove tutti i giocatori in Destiny possono ritrovarsi e organizzare i loro viaggi alla ricerca di tesori e quant’altro.

Ma quali saranno gli altri pianeti presenti? Venere, Marte e la Luna (non un pianeta ma considerato tale) questi, insieme alla terra rappresentano la FRONTIERA questo immenso mondo che racchiuderà sicuramente tantissime avventure, pericoli, tesori, trappole, vecchie rovine abbandonate, misteri, nuove risorse e quant’altro. Per affrontare un viaggio così è necessario equipaggiarsi a dovere, e l’unico modo per essere pronti sarà quello di andare alla ricerca di nuove armi e armature, sempre più potenti e resistenti, di sconfiggere i nostri nemici, da soli o in compagnia, per fronteggiare sfide sempre più difficoltose, e sarà necessario rifornirsi sempre, ogni qual volta si decida di intraprendere una nuova spedizione; in Destiny può succedere di tutto e di più, nel giro di pochi secondi.

Destiny, può essere giocato tranquillamente in solitaria, ma Bungie pare al quanto contraria a tale scelte, la trama in sé e le meccaniche di gioco in parte possono essere godute ugualmente, ma il cuore fondamentale dell’esperienza è la cooperazione fra più giocatori. C’è da aggiungere che nel gioco ci saranno ovviamente le classiche modalità competitive, ma il titolo ha moltissimo altro da offrire. Il giocatore sarà libero di seguire la trama principale, ma esso avrà anche una propria storia; il suo viaggio partirà in solitaria per poi fare nuove conoscenze, interagire con altri giocatori (siano essi amici o sconosciuti) ampliando e introducendo nello stesso tempo il concetto di Social, così tanto decantato ultimamente; Destiny permetterà a tutti voi di scegliere il vostro cammino, vedere un gruppo di giocatori in pericolo e decidere se aiutarli o meno starà a noi, per la prima volta si mette a disposizione una vera libertà di scelta. Per Bungie comunque, la cooperazione è sinonimo di divertimento, e come dargli torto al riguardo? Ci saranno aree in gioco che necessiteranno dell’aiuto di qualche altro giocatore, magari incontrato casualmente durante il nostro viaggio, magari potrà nascondersi una minaccia oppure un potente alleato con cui condividere le nostre conoscenze ed esperienze fatte in gioco, ma questo sarà anche il bello del gioco, fidarsi o meno dei giocatori incontrari. Destiny è un mondo aperto tutto da esplorare e che si vuol fare scoprire da tutti coloro che voglio appoggiare questo fantastico progetto; mai prima d’ora, i videogiocatori saranno uniti in un unico grande mondo, dove la condivisione di tutto ciò che avrete appreso sarà alla base di questo attesissimo MMOSHOOTER GDR.

Il Coraggio di Cambiare

Dunque, giunti alla fine di questo piccolo viaggio nel cuore di Destiny, è giusto render nota la bravura di un team che di certo non necessità di presentazioni, i ragazzi di Bungie, vogliono rompere le barriere dello script che limita non soltanto la creatività del suo creatore (scusate il gioco di parole), ma anche la voglia di videoGIOCARE dell’utente stesso, il quale sentirà l’esigenza di andare sempre oltre, visto che molte volte l’esperienza cinematografica così tanto e pesantemente abusata nei giochi da essere ora mai assuefatti da simili produzioni. Tutto ciò svanisce di fronte a un progetto così immenso, che non ha schemi, se non quello della nostra volontà di continuare per ore i nostri viaggi nella Frontiera; finalmente con Destiny si ha quel coraggio di cambiare, di INNOVARE, di cercare nuove strade, di coinvolgere la gente singolarmente, a cooperare, senza quell’astio che rovina sempre le belle esperienze, nessuno in Destiny deve dimostrare la sua forza o bravura, tanta liberà non deve far paura ma ben si deve far credere che, nuova generazione non è solamente la forza di una macchina o la sua superiorità, che non porta mai a niente, ma anche e soprattutto la forza dell’immaginazione che sta per essere tradotta in questo fantastico e ambizioso progetto che unirà tutti voi videogiocatori insieme a Bungie e alla sua creatura Destiny.


Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.



-_-