Batman: Arkham Knight, il gran finale targato Rocksteady

PC PS4 Xbox One

Ieri è stato annunciato Batman: Arkham Knight, seguito dell’acclamato Batman: Arkham City (a sua volta seguito di Asylum) il quale rappresenterà quell’addio dolce amaro che i ragazzi di Rocksteady dedicheranno al cavaliere oscuro. Infatti Arkham Knight sarà il gran finale che concluderà le vicende di Batman e la sua grande amante Gotham City, dove per l’occasione sarà quell’innocente palcoscenico ancora più vasto che mai, essendo per quest’ultimo capitolo cinque volte più grande delle dimensioni avute nella città/prigione di Arkham City. Ovviamente dopo tre episodi all’attivo, tutti di ottima fattura (Origins, merita anch’esso di essere compreso nelle due opere Rocksteady) si può andare in contro ad una rischiosissima posizione, dove un solo passo falso, potrebbe compromettere l’intero progetto; rivoluzionare il brand oppure evolverlo? A questa domanda sicuramente qualcuno in Rocksteady avrà pur pensato, trovando (si spera) il giusto compromesso, e di sicuro la conclusione di questa fantastica saga, che ha dato il giusto omaggio ad uno degli eroi più amati di sempre. Se si pensa che questo capitolo finale, sarà sviluppato esclusivamente su Playstation 4, Xbox One e PC, può dare modo di capire quanto sia la volontà degli sviluppatori di spremere al massimo ogni singolo aspetto del gioco, con tanto di Unreal Engine adattato esclusivamente per l’occasione.

Due cavalieri una sola città!

Il Joker è stato certamente la star, cattiva, brutale e pazza, che ha di sicuro catturato l’attenzione e “l’ammirazione” di tutti i videogiocatori che, grazie anche all’ottima caratterizzazione del personaggio (dovuto in gran parte al fantastico doppiaggio, Italiano e Inglese) ha reso la nemesi del Cavaliere Oscuro dannatamente “essenziale” per Batman stesso e per la buona riuscita del plot narrativo. Ma dopo tre capitoli, Rockstedy ha voluto mettere la sua mano, la sua creatività, non snaturando la natura del comics, inserendo tra i cattivi più importanti Lo Spaventapasseri, Il Pinguino, Due Faccie e l’onnipresente Harley Quinn, e volendo dare quel tocco personale presentando il main villain di quest’ultimo capitolo, ovvero Arkahm Knight, descritto come una versione del cavaliere oscuro militarizzata, che avrà una A sul petto, rappresentando a detta degli stessi sviluppatori l’ultima ardua sfida per Batman. Bisogna comunque evidenziare che Lo Spaventapasseri, avrà anch’esso un ruolo di prim’ordine, avendo egli stesso riunito i peggiori criminali di Gotham, con l’intento di diffondere il caos nell’immaginaria cittadina.

Gotham City il tesoro più grande

Come detto in precedenza in Batman: Arkham Knight l’oscura cittadina, sarà molto vasta, paragonandola alla prigione all’aperto di Arkham City (senza contare Origins) sarà cinque volte più grande, basti pensare che Batman potrà affrontare delle risse che possono comprendere circa 50 personaggi su schermo; inoltre pare che l’intera cittadina sia disponibile senza subire particolari pause date dai caricamenti, ogni angolo di strada, palazzo, o appigglio sarà raggiungibile in modo naturale e dinamico senza nessun rallentamento, pur essendo divisa in tre aree.

Avendo dunque una città così come rendere gli spostamenti più rapidi se non con un mezzo adatto ad ogni situazione?

Batmobile mon amour

Voluta da sempre da tutti i fan, il desiderio diventa realtà, la Batmobile potrà essere usata dal Cavaliere Oscuro, per muoversi nella cittadina di Gotham, contando sui suoi gadget pronti ad essere utilizzati in ogni momento. Batman potrà richiamare la propria auto in qualsiasi momento, potrà utilizzare i suoi missili, sfruttando la sua potenza per sfondare le barriere presenti in-game.

I ragazzi di Rocksteady quindi, hanno deciso di impiegare tutte le loro risorse disponibili per realizzare la miglior automobile mai creata per un videogames.

Multiplayer questo sconosciuto

L’ultimo capitolo dedicato a Batman dovrà essere la giusta conclusione della saga Arkham, e per realizzare una trama e un impianto ludico eccellente, è giusto tralasciare tutti quegli elementi di “contorno”. Così infatti è inteso il Multiplayer in un gioco simile, dove la trama è il fulcro dell’intera esperienza, dove lo stesso team di sviluppo confessa di non sentire l’efficacia di una componente multigiocatore per Batman: Arkham Knight. E se ciò può aiutare nello sviluppare la miglior trama possibile per un single palyer come dargli torto?

Quel che ci aspetta resterà per sempre?

Speriamo di si, Rocksteady sembra puntare in alto, vuole fare le cose come si deve, senza aggiungere robette attira “bimbi” vuole una trama matura, epica, vuole ricreare un mondo immenso e credibile, vuole dare la giusta conclusione al Cavaliere Oscuro, eliminando ciò che non serve e concentrandosi su tutto ciò che ha reso questa saga epica, avendo molto da perdere se si sbaglia, ma allo stesso tempo basta tutto quell’impegno che da sempre ha contraddistinto questo talentuoso team di sviluppo per rendere questa saga epica e sicuramente immortale come i solo i più grandi capolavori riescono a fare.

MAR 2014 05


2 Commenti

  1. Avatar di ricki-rocki
    VN:F [1.9.17_1161]
    0

    Madonna così mi fate piangere, spero sia come viene descritto

  2. Avatar di alescio
    VN:F [1.9.17_1161]
    -1

    Speriamo sia bello, spero che inseriscano qualcosa di nuovo anche nel gameplay.

Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.




 

-_-