Recensione » Asura’s Wrath

Asura’s Wrath Recensione » PS3
7.5/10

Immaginatevi la scena: vi svegliate un bel mattino soleggiato e fischiettando vi incamminate verso dove avevate parcheggiato la macchina la sera prima, siete un po’ in trepidazione poiché l’avete presa dal concessionario il giorno precedente e questa è la prima volta che la guidate “sul serio”, e già non state più nella pelle all’idea di sedervi al volante; la vedete in lontananza, rossa smagliante, brillante sotto il sole del mattino; certo la verniciatura metallizzata è costata un po’ di più, ma adesso pensate che ne è valsa veramente la pena… siete sempre più vicini, vi manca solo un passo per poter inserire la chiave nella serratura quando… eccolo!!! Lungo tutta la fiancata il graffio più grosso della storia dei graffi, di quelli profondi e netti che raggiungono il metallo sotto la vernice e in pochissimo fanno ruggine tutto intorno… vi siete immedesimati? Come vi sentite in questo momento? Sentite la rabbia? La sentite crescere dentro di voi in cerca di una via di fuga? Come un incendio in attesa di divampare? Ottimo!! Adesso siete nello stato d’animo giusto per giocare ad Asura’s Wrath!!!

Forse dovevamo dare la colpa al maggiordomo…

Asuras Wrath

Dopo avervi messo in sintonia con il tema di base del gioco andiamo a parlare un po’ della trama di questo titolo: in Asura’s Wrath seguiremo le iraconde gesta del generale Asura uno degli 8 potentissimi “campioni” imperiali incaricati di proteggere il pianeta dalla minaccia dei Gohma, creature aliene mostruose che minacciano la pace nell’universo; ma evidentemente non a tutti i generali sta bene piegare il proprio immenso potere ai comandi dell’imperatore; e infatti, organizzato un colpo di stato, rovesciano il trono, uccidono il reggente ed infine “incastrano” il povero Asura come autore del complotto. Purtroppo però i ribelli non avevano preso in considerazione che il nostro protagonista non è esattamente il più mansueto degli agnellini e, dopo aver perso numerosi uomini nel tentativo di catturare il loro collerico “capro espiatorio”, ricorrono all’ignobile espediente di uccidere la sua amata mogliettina e rapire la sua adorata figlioletta pur di spezzare il suo spirito guerriero. E’ proprio al termine della cruenta battaglia ingaggiata nel tentativo di salvare la sua prediletta che i ribelli riescono ad avere la meglio sul nostro eroe e, dopo averlo ridotto in fin di vita, prendono la decisione di spedirlo in esilio.

A questo punto la vicenda si sposterà in avanti di ben 10.000 anni, periodo in cui il generale sconfitto è rimasto in una sorta di “morte apparente”. Una volta risvegliatosi scoprirà che le cose sono assai diverse da come che in passato, infatti, i compagni di un tempo vengono oramai considerati delle divinità a tutti gli effetti e sono quotidianamente adorati da migliaia di persone dalle quali traggono inoltre un’incredibile potenza. Ma anche il lungo sonno ha portato un incremento di potere al nostro protagonista che, alimentato ormai da una folle ed incontrollabile furia, sfiderà ancora una volta tutti i suoi ex compagni per portare in salvo l’unico membro della famiglia rimastogli e, nel contempo, salvare la razza umana (…giusto se gli restano 2 minuti liberi).

Pur traendo parecchi spunti dalla mitologia classica giapponese e quindi non essendo propriamente al 100% tutta “farina del sacco” degli autori, la trama di Asura’s Wrath risulta assai piacevole da seguire. La narrazione è molto buona e la suddivisione in “capitoli” comprensivi di “riassunti delle puntate precedenti” attribuisce un taglio anime al tutto, dando a tratti quasi l’impressione di star seguendo un cortometraggio nipponico piuttosto che un videogame; inoltre l’ottima caratterizzazione dei personaggi in generale e nello specifico del carismatico protagonista, permette al giocatore di immedesimarsi nei suoi furibondi stati d’animo e di condividerne, quantomeno in piccola parte, la travolgente furia.

Non sono cattivo… mi disegnano così

Asuras Wrath

Anche in tema di grafica bisogna, innanzi tutto, lodare l’ottimo lavoro di caratterizzazione stilistica di tutti i personaggi principali, infatti sia il protagonista che i suoi antagonisti godono di un design accattivante e di un’espressività in puro stile manga che sicuramente gli appassionati dei prodotti del sol levante non potranno non apprezzare. Anche nell’ambito della realizzazione grafica vera e propria il tema “anime” viene fortemente richiamato, nonostante i personaggi siano infatti realizzati in tre dimensioni conservano forti tratti cartooneschi, e ,durante i frequenti Quick Time Events ci sembrerà, ancora una volta, di prendere parte attiva ad un cartone animato giapponese di ultima generazione.

Purtroppo però la qualità media del titolo, che fino ad ora si era dimostrata molto alta, scende drasticamente nelle fasi vere e proprie di gioco: a livello specialmente di “cura del dettaglio” sia gli schemi che i nemici casuali lasciano parecchio a desiderare e si riscontrano perfino dei, seppur sporadici, “rallentamenti da sovraffollamento”.

Per quanto riguarda il sonoro invece va menzionata la possibilità di poter “settare” l’audio sia lingua in inglese che in lingua giapponese, dandovi quindi modo di rendere la vostra esperienza di gioco quanto più orientaleggiante possibile (e poi diciamolo: niente è più spaventoso di un giapponese infuriato!!).

La candela che brucia al doppio d’intensità arde la metà del tempo

Ed eccoci arrivati al punto chiave di Asura’s Wrath e cioè il gameplay. Personalmente infatti, sono rimasto molto colpito dalla scelta presa dal team di CyberConnect2 per quanto riguarda questo titolo, che mi aspettavo fosse un’ennesima variante al collaudato filone di cui God of War è il più illustre capostipite; invece in Asura’s Wrath, forse proprio per scostarsi maggiormente da questo ingombrante elemento di paragone, è stato adottato uno schema di gioco che si divide fondamentalmente in tre parti: gli importantissimi e numerosissimi Quick Time Event (in pratica dei filmati interattivi in cui il giocatore sarà chiamato, di quando in quando, a premere delle combinazioni di tasti per passare alla fase successiva), delle fasi puramente action (in cui il nostro Asura si scontrerà da solo contro orde di nemici sferrando sostanzialmente colpi a corto raggio facendo sfoggio della potenza delle sue muscolosissime breccia) e delle fasi che ricordano i vecchi giochi di astronavi (sostanzialmente sono combattimenti in caduta libera o in volo, nei quali lanceremo contro i nostri nemici devastanti sfere di energia, di potenza più o meno forte a seconda del caso). Ora questa combinazione di questi tre elementi apparentemente così di versi tra loro, che dapprima genera un po’ perplessità, una volta assimilata contribuisce a dare un buon ritmo a tutta la vicenda e a favorire enormemente la godibilità generale del titolo… peccato solo che il tutto non duri poi così a lungo; visto che in poco più di sei ore di gioco la storia principale giunge al suo compimento.

Dai è finita… adesso calmati!!

Asuras Wrath » VideoRecensione  
Asuras Wrath
VideoRecensione
5:34 min
In conclusione, dare una valutazione generale ad un gioco come Asura’s Wrath è quindi un compito piuttosto arduo: infatti da un lato abbiamo un titolo che senza ombra di dubbio spicca per originalità sia in ambito di realizzazione che per gameplay, dotato di personaggi molto ben caratterizzati e fortemente carismatici nonché una trama avvincente; dall’altro però presenta innegabilmente parecchie pecche quali la scarsa cura dei dettagli, l’eccessiva facilità generale dei combattimenti e una longevità parecchio sotto la media. In ultima analisi però mi sento di poter affermare che i pregi superano i difetti, di conseguenza lo consiglio a tutti gli appassionati di manga ed anime, a tutti i giocatori in cerca di un titolo con una bella storia da seguire ed… a tutti gli irascibili in generale.

Questa recensione è basata su una copia promozionale per PS3


2 Commenti

  1. Avatar di Silver D
    VN:F [1.9.17_1161]
    0

    70 / 6 = 11,66666666666666666666666666666666666
    Ovvero quanto si fa pagare questo videogioco ad ora e posso tranquillamente dire che mai e poi mai ci spenderò così tanti soldi per un gioco così corto. Aspetterò che cali di prezzo, ad ogni modo mi è sempre sembrato una versione orientale di God of War, speriamo che almeno il protagonista non mi stia sulle balle come Kratos…

  2. Avatar di turok911
    VN:F [1.9.17_1161]
    +1

    io lo prenderò di sicuro a me non interessa il livello di sfida dato che lo giocherò come se fosse un anime ,la cosa che mi dispiace un pò e che non è lunghissimo.

Scrivi un commento, la tua opinione conta!

Devi effettuare il login per scrivere un commento.



-_-